Tra gli elettrodomestici più utilizzati in assoluto al giorno d’oggi troviamo senza ombra di dubbio la lavastoviglie, utilissima per facilitare il lavaggio di pentole, piatti e posate. Il suo utilizzo permette di farci risparmiare la fatica di lavare a mano ogni singola stoviglia ed evita gli sprechi d’acqua. Pur trattandosi di un elettrodomestico estremamente efficiente, è anche parecchio delicato, quindi, per far sì che funzioni al massimo delle sue capacità, va tenuto pulito ed è importante sottoporlo a regolare manutenzione.

Il rischio, infatti, è che si verifichino problemi e guasti di ogni sorta. Uno dei più comuni interessa lo scarico della lavastoviglie, che si intasa. Quando succede, il tubo di drenaggio non è più in grado di smaltire l’acqua impiegata per il ciclo di lavaggio e di conseguenza l’elettrodomestico si blocca. Per correre ai ripari, vediamo dunque come aggiustare una lavastoviglie con lo scarico intasato.

Tecnico o “fai da te”?

Non avete tempo o voglia di provvedere da soli alla riparazione, o pensate di non esserne capaci? Ovviamente contattate un tecnico. Se invece preferite risparmiare qualche soldo e non disdegnate il fai da te, intervenire in maniera autonoma vi consentirà comunque di risolvere il problema, trattandosi di un’operazione non particolarmente complicata e potenzialmente eseguibile da chiunque.

Se si tratta semplicemente di un problema che interessa il tubo di drenaggio, infatti, è sufficiente scollegarlo per procedere alla rimozione dei detriti presenti al suo interno (come grasso solidificato) che ne hanno causato l’otturamento. In verità, in commercio esistono anche prodotti chimici appositamente formulati per liberare lo scarico, ma non ne consigliamo l’utilizzo, in quanto, oltre a inquinare, potrebbero addirittura arrecare danni al tubo con il rischio di non concludere granché comunque. Prima di procedere, è bene seguire alcune accortezze.

Innanzitutto, accertatevi che la lavastoviglie non sia attaccata alla presa di corrente e che il rubinetto dell’acqua sia adeguatamente chiuso. Indossate dei guanti di gomma per proteggere le mani e munitevi di una bacinella e di uno straccio per asciugare l’acqua che potrebbe uscire dalla lavastoviglie durante il procedimento. Avendo tutto a vostra disposizione è il momento di iniziare il lavoro.

Come liberare lo scarico intasato

Il tubo di drenaggio della lavastoviglie è posizionato dove sono presenti la pompa e il braccio a spruzzo dell’elettrodomestico. Accedetevi con calma spostando la lavapiatti e avendo cura di non versare acqua all’interno, bensì utilizzate lo straccio per rimuovere quella che fuoriesce. Dunque, una volta identificato il tubo di scarico, dovete procedere a smontarlo. Tanto per cominciare, svitate il fermo che lo tiene bloccato, con l’aiuto di una chiave inglese di adeguate dimensioni. Sistemate una bacinella sotto la pompa prima di togliere il fermo, per raccogliere eventuali detriti che rischiano di uscire sporcando il pavimento. Il tubo adesso è libero e potete estrarlo senza impedimenti. A questo punto è necessario pulirlo.

Pulizia del tubo

Inizialmente potete scuoterlo, in modo tale che i detriti più pesanti fuoriescano da soli. Spesso questo basta a risolvere il problema eliminando l’ostruzione. In alcuni casi la situazione è leggermente più complicata, per la presenza di tappi solidi più difficili da rimuovere. Il metodo più risolutivo in questi casi consiste nella pulizia del tubo adoperando un getto d’acqua a pressione. Consigliamo sempre di utilizzarlo perché la sua efficacia non si limita soltanto allo sblocco dello scarico, bensì permette anche di controllare se sono presenti perdite a carico del tubo. In presenza di perdite e dunque di un tubo danneggiato, è infatti inutile pulirlo, perché sarà necessario sostituirlo direttamente con uno nuovo. Se il tubo invece è integro ed è semplicemente ostruito, il metodo dell’acqua a pressione basterà a risolvere il problema. Se avete un giardino, potete sfruttare anche il tubo che di solito utilizzate per innaffiare le piante. Ultimata la pulizia ed eliminati tutti i detriti responsabili dell’intasamento, potete infine riattaccare il tubo e riposizionare il fermo che lo blocca. Come avrete notato si tratta di un procedimento tutto sommato semplice. Solo spostare l’elettrodomestico per raggiungere il tubo di scarico può comportare qualche difficoltà in più, ma fatto questo non dovreste avere particolari problemi.

Conclusioni

C’è da dire comunque che non è sempre colpa del tubo intasato se una lavastoviglie non scarica acqua. Lo stesso problema, infatti, può dipendere anche dallo sporco che si è depositato sui filtri a rete posti all’attacco del tubo sotto il cestello dell’elettrodomestico, e in questo caso occorre agire internamente.