Con più di 47 milioni di visualizzazioni, Simon Sinek è uno dei presentatori di TED Talks più visti di tutti i tempi. Nonostante ciò, Sinek è una persona piuttosto timida. Alle feste -ha ammesso- si nasconde da solo in un angolo. Non arriva mai per primo, anzi, preferisce arrivare ultimo. Come ha fatto ad affrontare la sua paura di parlare in pubblico (scopri i suggerimenti di Massimiliano Cavallo)?

L’improbabile successo di Sinek come speaker ispirazionale e autore di best seller non è un semplice caso fortuito. Non è nemmeno essere nel posto giusto al momento giusto o conoscere le persone giuste. È il risultato di paure affrontate e cancellate, prove ed errori e continuo esercizio, dentro e fuori dal palco.

In che modo Sinek ha imparato a fare presentazioni così sicure, accattivanti e significative? Quali lezioni possiamo imparare da lui?

Ecco i suoi sette segreti per tenere discorsi in grado di ispirare, informare e intrattenere il suo pubblico.

Non parlare subito

Sinek dice che non dovresti mai parlare mentre esci sul palco. “Molte persone iniziano a parlare subito ed sono nervose”, dice Sinek. “Questo comunica insicurezza e paura.”

Invece, cammina tranquillamente sul palco. Quindi fai un respiro profondo, trova il tuo posto, attendi qualche secondo e inizia. “So che sembra lungo e noioso e anch’io mi sento dannatamente imbarazzato quando lo faccio”, afferma Sinek, “ma mostra al pubblico che sei davvero sicuro e responsabile della situazione”.

Presentati per dare, non per prendere

Spesso le persone tengono presentazioni per vendere prodotti o idee, per convincere le persone a seguirli sui social media, acquistare i loro libri o anche solo per apprezzarli. Sinek chiama questo tipo di oratori “takers” (persone che prendono) e dice che il pubblico se ne accorge immediatamente. E, quando accade, perdono interesse.

“Siamo animali molto socievoli”, afferma Sinek. “Anche a distanza sul palco, possiamo dire se sei un persona che da o una che prende e le persone hanno maggiori probabilità di fidarsi di un donatore – un oratore che dà loro valore, che insegna loro qualcosa di nuovo, che li ispira – rispetto al caso contrario “.

Stabilisci un contatto visivo con i membri del pubblico uno alla volta

Fare una panoramica con lo sguardo del pubblico non funziona, secondo Sinek. “Mentre sembra che tu stia guardando tutti, in realtà ti disconnette dal tuo pubblico.”

È molto più semplice ed efficace, dice, se guardi direttamente membri specifici del pubblico durante il tuo discorso. Se puoi, dai a ogni persona che guardi attentamente un’intera frase o pensiero, senza distogliere lo sguardo. Quando hai finito una frase, passa a un’altra persona e continua a connetterti con le singole persone fino a quando non hai finito di parlare.

“È come se avessi una conversazione con il tuo pubblico”, afferma Sinek. “Non stai parlando a loro, stai parlando con loro.”

Questa tattica non solo crea una connessione più profonda con gli individui, ma l’intero pubblico può percepirlo.

Parla in modo insolitamente lento

Quando ti innervosisci, non è solo il battito del tuo cuore ad accelerare. Le tue parole tendono anche ad accelerare. Fortunatamente Sinek afferma che il pubblico è più paziente e indulgente di quanto sappiamo.

“Vogliono che tu abbia successo lassù, ma più corri, più li spegni”, dice. “Se stai solo zitto per un momento e fai un respiro lungo e profondo, ti aspetteranno. È incredibile.”

Per Sinek è davvero impossibile parlare troppo lentamente sul palco. “È incredibile che tu possa stare sul palco e parlare così lentamente che ci sono diversi secondi tra ognuna delle tue parole e le persone … resteranno … attaccate … ad … ogni … vostra … parola. Funziona veramente”.

Ignora gli oppositori

Ignora le persone che solcano le sopracciglia, incrociano le braccia o scuotono la testa. Concentrati invece solo sui tuoi sostenitori: le persone che sono visibilmente coinvolte, godono della tua presentazione e annuiscono “sì”. Se trovi i membri del pubblico che interagiscono positivamente con te, sarai molto più sicuro e rilassato rispetto a se provi a convincere gli oppositori.

Trasforma il nervosismo in eccitazione

Sinek ha imparato questo trucco guardando le Olimpiadi. Alcuni anni fa ha notato che i giornalisti che intervistavano gli atleti olimpici prima e dopo le competizioni stavano tutti ponendo la stessa domanda. “Eri agitato?” E tutti gli atleti hanno dato la stessa risposta: “No, ero eccitato”. Questi concorrenti stavano prendendo i sintomi del nervosismo del corpo – mani umide, cuore pulsante e nervi tesi – e li reinterpretavano come effetti collaterali di eccitazione ed euforia.

Quando sei sul palco probabilmente passerai attraverso la stessa cosa. Per questo, spiega Sinek, dovresti dirti ad alta voce: “Non sono nervoso, sono eccitato!”

“Quando lo fai, ha davvero un impatto miracoloso nell’aiutarti a cambiare il tuo atteggiamento nei confronti di ciò che stai per fare”, afferma Sinek.

Di grazie quando hai finito

L’applauso è un dono e quando ricevi un dono, è giusto esprimere quanto sei grato per questo. Ecco perché Sinek chiude sempre le sue presentazioni con una sola parola, semplice ma potente: grazie.

“Ti hanno dato il loro tempo e ti stanno dando i loro applausi.” Dice Sinek. “È un regalo e devi esserne grato.”